Nota: Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Stampa

Cari genitori

i SI che aiutano a crescere

L’educazione dei figli: i genitori più pessimisti dicono che “comunque si fa si sbaglia”, ma conoscere la materia e avere una linea di condotta coerente è comunque fondamentale. Non c’è nulla di peggio, per i figli, che genitori umorali, un giorno severissimi e l’altro indifferenti. Famiglia 8D’altro canto la tradizione dell’autorità assoluta del capofamiglia è stata seguita nell’ultimo secolo da pedagogie che a correnti alternate passavano dal permissivismo alle regole al neo-autoritarismo. Lo psicoterapeuta Renato Palma che opera a Firenze ha scritto “I si che aiutano a crescere (Edizioni ETS) ritiene che il problema non sono le regole, che sono assolutamente necessarie per una società che voglia garantire i bambini. Dipende da quali sono le regole di cui stiamo parlando: la regola ad esempio di usare la forza per educarli, fa si che i figli crescano in un clima “sottilmente” conflittuale, che entra poi a far parte della loro memoria relazionale. Per usare una semplificazione: è evidente che litigare per educare produce il risultato di educare a litigare.

Cosa succede ad un bambino quando non ha altra possibilità che obbedire?

Dal momento che disobbedire significa attrito, tensione per evitare la lotta, quindi per essere considerato buono, il bambino no ha scelta che trasferire il conflitto dentro di sé. Questo bambino entrerà nell’età adulta attraverso questo conflitto interiore: sarà un adulto chiuso ed intollerante, competitivo ed aggressivo se la lotta per controllarsi avrà successo. Amareggiato, insoddisfatto e deluso se invece si sentirà sopraffatto.

 Dunque non imposizioni ma confronto. Questo produrrebbe quali conseguenze favorevoli?

[..] Permette di raggiungere due obiettivi: il primo, vivere accanto ad individui cooperanti, con i quali è bello e piacevole passare il tempo. Il secondo facilitare il ruolo genitoriale, sottraendo ad esso il carico di fatica e l’attrito, generati sempre dalla fretta e dall’ansia di educare. Gli obiettivi educativi che intendiamo raggiungere per il loro bene non devono essere mai la causa del peggioramento della relazione che quando non è buona si cristallizza ed è difficile il cambiamento

Tratto da:

 Il Resto del Carlino —giovedì 3 giugno 2010 Sezione: cultura-spettacoli-società

 

Dott.ssa Sabina Godi

Psicologa – Fano

 

 

Tratta:

Autostima, Disturbi  d’Ansia, Depressione,  Attacchi di Panico

Info

Sabina Godi

Via G.Gabrielli, 59 - 61032 Fano (PU)

PI 02363730413

Isc. Albo Psicologi Regione Marche n. 1836

Today 9 Yesterday 67 All 64383